domenica 29 gennaio 2012

Muffin (bomba) al cioccolato

ISPIRATO DA: gli avanzi del periodo natalizio (ma anche post pasqua può andar bene!)

Perché parlo di avanzi? Perché con le colleghe dell'ufficio si parlava di panettoni, pandori e cioccolato che erano avanzati dopo le feste di Natale. Così una sera ho deciso di mettermi all'opera e ho preparato due belle teglie di muffins! Per la precisione una di muffins al panettone e una di muffins al cioccolato!

Sono una vera bomba!! Nel senso che sono buoni? Si anche, ma soprattutto vi danno l'energia che vi serve per un'intera giornata! Per questo credo che la prossima volta li proverò con dei pirottini più piccoli.






Il giorno dopo li ho portati in ufficio per condividerli con le colleghe visto che tutto è partito da li. Questi dolcetti, così come i cupcakes, si prestano molto bene anche per piccoli regali.
Un pensiero dolce fa sempre piacere!


LA RICETTA

280g di farina
250g di zucchero
1 bustina di lievito
60g di burro
4 uova
100ml di latte
100g di formaggio allo yogurt (tipo philadelphia)
160g di cioccolato fondente con nocciole
100g di cacao amaro




Quando faccio i muffins uso il mixer, questo è uno dei pochi impasti per cui lo uso senza esitare e senza sentirmi in colpa. Quando posso infatti preferisco usare le mani, ma questo è un impasto molto morbido, quasi liquido. Il mixer è l'ideale!
Parto con gli ingredienti liquidi e su questi aggiungo poco a poco i solidi cominciando con lo zucchero. Il cioccolato (con nocciole intere) è stato grattugiato prima di essere inserito nell'impasto. L'impasto che otterrete è morbido e spumoso. Versatelo negli stampini per muffins imburrati e passati con la farina, oppure nei pirottini. Cuocete per circa 20 minuti a 180° mettendoli in forno già caldo.





domenica 22 gennaio 2012

Coppetta di frutti di mare gratinati

ISPIRATO DA: "di vigilia si mangia pesce", e questa è la vigilia del nuovo anno!

La vigilia di Natale, il venerdì (soprattutto in Quaresima), le vigilie in genere compreso capodanno: niente carne, tanto pesce!
E per non andare contro la tradizione ecco un piatto ricco, invitante, gustoso a base di frutti di mare. Altre volte avevo fatto le cappe sante gratinate in pirofila ma questa volta volevo qualcosa di più personale ed ho scelto delle coppettine rosse mono porzione (ovviamente adatte alla cottura in forno). Servire ad ognuno la propria porzione secondo me è molto bello. Certo non dev'essere un modo per esser tirchi! preparate delle coppette in più per degli ospiti che ne volessero ancora, oppure preparate una pirofila con una dose extra per rifornire gli affamati ;-)
E la scelta del rosso in questi casi è dovuta... è di buon augurio! Quindi diamo inizio ai festeggiamenti

RICETTA

bastoncini di surimi
cappe sante (senza conchiglia)
gamberetti
pan grattato
prezzemolo
sale
olio extravergine d'oliva
aglio

Prendete i molluschi di 3 cappe sante, 1 o 2 bastoncini di  surimi sfilettati, 3-5 gamberetti e metteteli in una ciotolina. Ricoprite con un trito di prezzemolo, aglio (poco, giusto per ravvivare un po' il gusto), pan grattato e un pizzico di sale. Passate un "filino" d'olio che aiuterà nella cottura.

Riempite allo stesso modo tutte le coppette e poi mettete in forno caldo. Per la cottura serviranno circa 20 minuti a 190° ma molto dipende da quanti frutti di mare avete messo in ogni coppetta e dal materiale delle coppette. Ad ogni modo non sarà difficile capire quando sono pronte... devo essere belle dorate e profumate!




Muffin con panettone



Negozi e pasticcerie sono già provvisti di dolci di carnevale: frittelle, chiacchere etc... e se a casa abbiamo ancora dei dolci natalizi di sicuro non ci viene voglia di metterli in tavola! Ecco un modo per utilizzare l'ultimo panettone: trasformarlo in dei veloci e sfiziosi muffin!



Ingredienti per 12 muffin:
200 gr di panettone
200 gr di farina
80 gr di zucchero
1/2 bustina di lievito
200 ml di latte
75 ml di olio di semi
2 uova
1 pizzico di sale

Preparazione:
Tagliate a cubetti il panettone. Mescolate da una parte gli ingredienti solidi (panettone, farina, zucchero, lievito, sale), dall'altra quelli liquidi (uova, latte e olio). Versate gli ingredienti liquidi nel composto solido e mescolate creando un impasto morbido. Riempite per 2/3 gli stampini. Infornate per 15-18 min fino a quando risulteranno dorati. Sfornateli e, una volta raffreddati, serviteli con una spolverata di zucchero a velo. 

Buona domenica! 

sabato 14 gennaio 2012

Torta mele e mandorle



L'ultimo esperimento è una torta soffice di mele con una copertura di mandorle che le da quel tocco in più. Oltre ad aver riscosso un grande successo è una torta che richiede davvero poco tempo: il tempo che impiegate per farla è il tempo che impiegate per sbucciare le mele, il resto in quindici minuti è fatto! Ecco cosa serve:






Ingredienti per l'impasto:
200 gr di farina
180 gr di zucchero
125 gr di burro
4 uova
1 limone
1 puntina di cannella (se gradita)
1 cucchiaino scarso di lievito
1 pizzico di sale

Altri ingredienti:
2 mele (500 gr)
50 gr di zucchero
50 gr di mandorle a lamelle

Preparazione:
Sbattete le uova con lo zucchero fino a ottenere un composto cremoso. Aromatizzate con la buccia grattugiata del limone e la cannella, poi unite il burro sciolto e raffreddato, la farina, il lievito ed il sale. Versate il composto in uno stampo (28 cm) imburrato ed infarinato e livellate bene la superficie. Ricopritelo con le mele a tocchetti, lo zucchero e le mandorle. Infornate a 180° per circa 30 min. 

...ancora una volta una semplice torta di mele ha riscosso successo! :)

sabato 7 gennaio 2012

Gran farcito al cocco


Questa è la torta che ho preparato qualche giorno fa per i 92 anni di nonna! E' una classica base di pan di spagna al cioccolato farcita con una crema pasticcera al cocco, decorata con cocco e fragole che danno quel tocco in più! Nel giornale dove ho trovato la ricetta c'era scritto "gran farcito di Natale" ma secondo me va benissimo per ogni occasione e stagione!







Ingredienti per il pan di spagna:
200 gr di farina
200 gr di zucchero
35 gr di cacao
6 uova
1 cucchiaino e 1/2 li lievito
1 pizzico di sale

Ingredienti per la crema al cocco:
300 gr di latte
125 gr di panna
200 gr di latte di cocco
140 gr di tuorli (circa 7)
140 gr di zucchero
30 gr di farina
10 gr di amido di mais
semi di 1/2 bacca di vaniglia

Altri ingredienti:
gelatina di albicocche (o marmellata)
rum (o altro liquore secco)
farina di cocco
fragole

Preparazione:
Per la base montate le uova con lo zucchero e poi unite farina, cacao, lievito e sale. Versate in uno stampo (diametro 22-24) unto e infarinato, e cuocete a forno caldo per 30-35 min a 180°. Lasciate raffreddare. 
Nel frattempo preparate la crema: portate a bollore il latte, il latte di cocco e i semi della vaniglia. Spegnete il fuoco e, dopo 5 min, filtrate. Montate a spuma i tuorli con lo zucchero, mescolatevi la farina e l'amido, poi stemperate con il latte. Cuocete la crema su fiamma bassa mescolandola continuamente. Lasciate raffreddare la crema protetta con della pellicola e poi unitevi la panna montata. 
Per comporre la torta dovete innanzitutto tagliarla: tagliate "il cappello" e mettetelo da parte. Tagliate poi la torta in tre strati, bagnateli con il rum e farciteli con la crema. Pennellate il bordo della torta e "il cappello" con la marmellata e fatevi aderire la polvere di cocco. Tagliate il cappello in spicchi e poneteli come ultimo strato alternandoli con delle fragole.

Un modo diverso per presentare la classica torta farcita!


venerdì 6 gennaio 2012

Pinza al Panettone

Se quella che ha postato ieri Elisa non è la ricetta più "tradizionale" della pinza veneta, questa può risultare ancora più insolita! Non tanto nel gusto quanto per l'utilizzo di un ingrediente particolare: il panettone! Ecco che la preparazione di questo dolce oltre a mantenere la tradizione può essere l'ideale per utilizzare il panettone avanzato dalle feste precedenti in modo originale!

Ingredienti:
250 gr di panettone
100 gr di farina bianca
150 gr di farina gialla fine
80 gr di zucchero
50 gr di burro
1 dl di latte
80 gr di uvetta
1-2 uova
1/2 bustina di lievito in polvere vanigliato
1/2 bicchierino di rum (o grappa)
un cucchiaio di pinoli

Preparazione:
Mettete le farine in una ciotola con il lievito, lo zucchero, il panettone a dadini, l'uvetta, i pinoli ed un pizzico di sale. In un altra ciotola sbattere leggermente le uova con il latte, il burro fuso intiepidito ed il rum. Versate il composto nella ciotola con gli altri ingredienti, mescolate con un cucchiaio di legno e versate in uno stampo rettangolare (non troppo grande) rivestito con carta da forno. Cuocete la pinza nel forno già caldo a 180° per circa 30 min. 

Una nuova versione della pinza che merita di essere provata!!!




Con questa ricetta partecipo al contest "una tavola senza sprechi" del blog cortesie in cucina:


giovedì 5 gennaio 2012

La Pinza

ISPIRATO DA: la tradizione dell'epifania, la casera, la pinza e il vin brulé

Oggi dalle mie parti, in Veneto, è un giorno speciale. Non in tutto il Veneto a dire il vero, nella provincia di Venezia e in parte in quella di Treviso, verso est. Li stasera "se brusa a vecia, a casera". Sto impazzendo? no no. Quando cala il sole e il cielo si fa buio si accendono decine di falò. I ragazzi delle varie "contrade" nei giorni precedenti hanno preparato questi mucchi di canne e pannocchie, fieno... ci hanno messo il fantoccio di una vecchia sulla cima e stasera tutti si ritroveranno li attorno per dar simbolicamente fuoco all'anno vecchio. Questo è il modo popolare di salutare l'anno nuovo appena arrivato e in qualche modo predire cosa quest'anno porterà: faive a ponente panoce niente, faive a levante panoce tante!

Questo è anche il momento in cui si mangia la pinza, un dolce tipico di questa occasione nato nelle cucine dei contadini. Ogni famiglia ha la sua ricetta, ogni pinza è diversa dalle altre e porta bene mangiarne tra oggi e domani 7 pezzi di 7 diverse famiglie.

La ricetta che vi propongo non è la più tradizionale, ma quella della mia famiglia. E' più dolce e un po' più secca. Assomiglia quasi al pan del doge. Quella tradizionale è più morbida e molliccia, quasi umida e questo particolare a mia mamma non è mai piaciuto quindi ha modificato la ricetta. Come vi dicevo, ognuno ha la sua! c'è chi mette la polenta, i fichi, il finocchietto, i pinoli... magari il prossimo anno vi metto una ricetta più tradizionale ma questo avrete la pinza di mia mamma.

LA RICETTA

200g di burro
400g di zucchero
1kg di farina
2 bustine di lievito
1 limone e 1 arancio
2 pacchetti di uvetta sultanina
1 bicchiere di latte
bagigi e noci

Come avrete visto, la dose è bella consistente... probabilmente metà è più che sufficiente. Ma come vi dicevo prima, questo è un dolce che si fa per regale e portare ad assaggiare alla altre famiglie quindi ne serve una grande teglia!
Fate sciogliere il burro e amalgamatelo con una forchetta a zucchero e farina. Sciogliete il lievito nel latte, aggiungete anche l'uvetta che precedentemente avrete messo ammollo in un po' d'acqua tiepida. Grattugiate la scroza di un limone e di un arancio. Mescolate bene il tutto. Stendete sulla teglia del forno ricoperta da carta forno o in una pirofila piuttosto grande precedentemente imburrata. Ricoprite con qualche manciata di bagigi e noci. Cuocete in forno caldo a 180° per 45 minuti.

mercoledì 4 gennaio 2012

Insalata di surimi

ISPIRATO DA: un'amica vegetariana; ai tempi dell'università l'ho preparata per lei che non mangiava carne

E' una ricetta semplice, oserei dire banale. Chiunque la può realizzare, anche il cuoco più inesperto, e fare buona figura con gli ospiti. Certo non è all'altezza di grandi chef... ma anche queste cose semplici vengono apprezzate. A dirla tutta, a casa mia è talmente apprezzata che ogni volta vengo rimproverata per non averne fatta abbastanza!



L'ingrediente principale è il surimi, cioè la polpa di granchio. Certo non è la polpa di granchio con la P maiuscola... ma fa la sua porca figura :-) E poi l'utilizzo del surimi riduce il tempo di preparazione ai minimi termini e talvolta ciò può essere molto utile.

RICETTA:

surimi
sedano
prezzemolo
olio exrtavergine d'oliva aromatizzato al limone

Fate scongelare i bastoncini di surimi e tagliateli a rondelle non più larghe di un centimetro. Se ce l'avete, io in questo caso ne ero sprovvista, fate a rondelle piccolissime un po' di sedano. Mettete il tutto in una ciotola e condite con un po' di prezzemolo tritato e dell'olio extravergine d'oliva. In questo caso io ho utilizzato un ottimo olio aromatizzato al limone che ho ricevuto in dono a Natale da Camilla. Il gusto è stato esaltato in modo particolare da quest'olio quindi, a chi non lo avesse, suggerisco di aggiungere un paio di gocce di succo di limone. E' una cosa che prima non facevo ma questo regalo mi induce a modificare la ricetta, l'esperimento ha sicuramente dato esito positivo!


Buon 2012 - la nostra attesa del nuovo anno


Ecco il primo post del nuovo anno!
Il mio augurio è che ognuno di noi possa veder realizzati i propri sogni e i propri desideri.

E visto che qui spesso si parlare di cucinare e di mangiare... beh io spero di aver più tempo per dedicarmi alla cucina e poterlo fare con ricette nuove, esperimenti, ingredienti mai provati prima... Spero di poter trarre da questo "hobby" gusto e soddisfazione! E spero di aver il privilegio di assaggiare la cucina tanti altri cuochi e di conoscere nuove tradizioni e sapori.





Per cominciare bene questo nuovo anno ho pensato di raccontarvi come mi sono preparata ad accoglierlo. Una tavola ricca di elementi ben-augurali: le coccinelle, i cornetti, tanto rosso, uva, lenticchie, candele bianche, rosse e verdi.



Volete sapere il menù?
Eccovi accontentati: insalata di surimi (polpa di granchio), crostini al salmone affumicato, coppette di frutti di mare gratinati, torta salata con radicchio e noci, tagliolini al nero di seppia con frutti di mare, macedonia di frutta alla grappa. E per il primo dell'anno... le lenticchie!

Nei prossimi giorni vedrete mano a mano comparire le varie ricette :-)

Non mi resta che augurarvi uno splendido 2012 con tutto quello-che-vi-piace!





Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...